Cerca nel blog

Caricamento in corso...

Pagine

Loading...

sabato 15 maggio 2010

12 Mag 2010 - 22:16:29 Map o non Map............

Forse
il sindaco e l’amministrazione sono troppo occupati a dare concessioni a
compari e amici che passate le elezioni dimenticano presto i bisogni e le
richieste dei cittadini. Durante la campagna elettorale , quelli
della vecchia amministrazione si vantavano ( prendendoci per i fondelli) di
essere stati bravi e tempestivi a presentare la giusta documentazione che ci ha
fatto rientrare nei paesi del cratere ( nulla di pi falso, siamo nel cratere
perché ci sono stati dei rilievi scientifici che di diritto ci hanno
riconosciuto questo status. Nessuna bravura.) Perché il sindaco non va a fare
queste affermazioni su un giornale? Perché non dice che siamo nel cratere per
loro bravura e tempestività ai sindaci dei paesi anch’essi colpiti dal sisma,
ma con danni maggiori dei nostri? Cosa pensa di rischiare? Resta il fatto che
talmente sono stati bravi che a Collarmele non riescono ancora a consegnare i
MAP a chi ne ha diritto. Dicono che non si possono consegnare
perché manca il piazzale. Cosa vuol dire? Forse è ancora un cantiere?
Allora perché non è protetto? E se non fosse così allora mi chiedo
che differenza c’e’ tra coloro che dovrebbero abitare i MAP e quelli che per
mesi sono stati costretta passare sui sassi per arrivare a casa, senza
protezioni, ( parco della rimembranza) sindaco compreso????


massimiliano · 39 visite · Lascia un commento
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/Map-o-non-Map-b1-p49.htm

11 Mag 2010 - 09:02:44 COSTITUITEVI,,,,,,,,,,

ARIANUOVA invita tutti i simpatizzanti alla riunione che si terrà oggi, martedì 11 maggio 2010, alle ore 21.00 presso la sala E.de Filippo.
L'incontro è finalizzato a costituire un'associazione politico-culturale che dia continuità alle nostre idee e progetti.
Vi aspettiamo............ un piccolo impegno per una grande soddisfazione!!

Libertà è partecipazione!!!!!
massimiliano · 52 visite · Lascia un commento
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/COSTITUITEVI-b1-p47.htm

09 Mag 2010 - 02:17:37 Gioco al massacro???

Qui di seguito riporto la seduta del consiglio comunale tenutosi venerdì 30/04/2010.


Ordine del giorno:
1. APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE.
2. CONFERMA TARIFFFE TARSU.
3. CONFERMA TARIFFE IMPOSTA PUBBLICITA', DIRITTI PUBBLICHE AFFISSIONI, TOSAP E SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE.
4. DETERMINAZIONE ALIQUOTA I.C.I. ANNO 2010.
5. CONFERMA ALIQUOTA ADDIZIONALE IRPEF.
6. VERIFICA QUANTITA' E QUALITA' DELLE AREE E FABBRICATI DA DESTINARSI ALLA RESIDENZA, ALLE ATTIVITA' PRODUTTIVE E TERZIARIE DA CEDERE IN PROPRIETA' O IN DIRITTO DI SUPERFICIE.
7. ESAME ED APPROVAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 - RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA E BILANCIO PLURIENNALE 2010/2012.
8. INDIRIZZI PER LA NOMINA, LA DESIGNAZIONE E LA REVOCA DEI RAPPRESENTANTI COMUNALI PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI.
9. PRESA D'ATTO DELLA COMUNICAZIONE DELL'INTEGRAZIONE DEI COMPONENTI DELLA GIUNTA COMUNALE.




APPELLO. LA SEDUTA E' APERTA.

TAGLIOLA MARCELLA: Chiedo scusa, volevo se possibile dire qualcosa prima che la seduta venga aperta.

SINDACO: No la seduta è già aperta. Passiamo all'approvazione del primo punto aal'ordine del giorno. Ci sono osservazioni? Se non ci sono osservazioni o eventuali integrazioni passiamo alla votazione. I verbali vengono approvati.

2° punto

SINDACO: Il primo adempimento riguarda lìapprovazione per la conferma della tariffa TARSU. Non le modifichiamo rispetto agli anni precedenti. Ci sono delle osservazioni? Ricordiamo comunque per il pubblico che nell'anno è prevista una spesa di 87.000 euro di entarta e si riesce a coprire il 63% della spesa effettiva che è DI 126.000. Ci sono delle osservazioni?


TAGLIOLA M. :Si Noi volevamo fare una dichiarazione di voto prima di procedere alla votazione dove il nostro voto sarà contrario all'approvazione di questo punto all'ordine del giorno. La motivazione che ci spinge in questa direzione è la convinzione che gli sforzi dell'amministrazione debbano essere concentrati per attuare la raccolta differenziata perchè solo in questo modo la tariffa della TARSU potrà essere diminuita dal 20 al 30%.
La raccolta differenziata spinta porta a porta è vero che ha bisogno di un'investimento iniziale ma poi, successivamente per le famiglie , il risparmio inciderebbe in maniera notevole sul bilancio familiare. Analizzando i dati della TARSU in bilancio notiamo che le entrate previste per gli anni futuri non accennano ad alcuna diminuzione e questo ci fa pensare che non c'è da parte di questa amministrazione nessuna volontà di attuare una politica di raccolta differenziata e quindi vogliamo proporci , vogliamo proporre di collaborare con il sindaco , gli amministratori e i cittadini per poter introdurre un progetto di raccolta differenziata porta a porta a Collarmele. Questa è la nostra dichiarazione di voto, le nostre motivazioni e la nostra proposta.


SINDACO: Ci sono altri interventi? Bene , prima di passare al voto vorrei rassicurare non solo il gruppo di minoranza ma tutta la popolazione che il piano per la raccolta differenziata è non solo pronto , ma è in uno stato avanzato e che a breve sarà messo in atto. Prendiamo comunque atto della buona volontà del gruppo di minoranza a dare una mano per la raccolta differenziata. Andiamo ai voti. Approvato con tre voti contrari.

3° punto

( approvato all'unanimità)

4° punto

( Confermato con approvazione all'unanimità)


5° punto

SINDACO: Anche per questa addizionale finchè non ci saranno nuove entrate e cioè fino a quando non entrerà in funzione il parco per quanto riguarda le entrate dalla produzione di energia elettrica alternativa dal fotovoltaico non possiamo non confermare questa entrata anche per l'anno in corso. Dovessimo avere entrate durante l'anno evidentemente andremo a ritoccare la tariffa.
Ci sono osservazioni su questo punto??

TAGLIOLA MARCELLA : Si, vorremmo anche in questo caso fare una dichiarazione di voto spiegando le motivazioni che ci porteranno ad un voto contario poichè ci aspettavamo in futuro una riduzione dell'addizionale IRPEF come ci era stato promesso in campagna elettorale.

SINDACO: L'ho già detto in premessa. Se non ci sono altri interventi passiamo al voto. Approvato con 4 voti contrari.


6° punto

( Approvato all'unanimità)


7° punto


SINDACO: Per quanto riguarda il bilancio abbiamo avuto, come dire, i tempi contratti e ristretti perchè avevamo fissato il termine il 30 aprile. Poi è arrivata, da pochi giorni, la possibilità di approvare il bilancio fino a fine maggio però noi avevamo già preparato un documento contabile e quindi non abbiamo ritenuto di spostare il consiglio ma di passare all'esame e all'approvazione del bilancio stesso eventualmente come stabilito dalle procedure e nel caso in cui ci dovessero essere delle variazioni nelle entrate e scelte anche di tipo diverso, che potremmo discutere nei giorni seguenti, sicuramente torneremo in consiglio per modificare lo stesso impianto.
L'impianto complessivo del bilancio non sposta rispetto all'impianto degli anni precedenti. Ha una struttura tale per cui diciamo abbiamo quelle che sono ............ ( mancano degli appunti che finiscono la frase) che nelle combinazioni delle partite di entrata e quelle di spesa nel 2010 abbiamo questa cifra complessiva, 1.793.825....



( A questo punto dopo aver elencato le varie cifre del bilancio e dichiarato di avre avuto parere favorevole dal contabile revisore dei conti il sindaco cede la parola a chi vuole intervenire)


TAGLIOLA MARCELLA : Innanzitutto vorrei ringraziare i tecnico che ha redatto il bilancio perchè ha avuto molta pazienza con noi e credo ne avrà in futuro. Anche per quanto riguarda il bilancio la nostra votazione sarà contraria perchè ancora una volta sembra ci sia scarsa progettualità per quanto riguarda lo sviluppo del paese e anche in questo caso notiamo una poca corrispondenza con alcune promesse fatte in campagna elettorale perchè si è parlato di iniziative per arrestare il decremento della popolazione ma non troviamo in bilancio delle voci che possano incrementare i servizi.
Si è promesso di incentivare il turismo ma neanche in questo caso troviamo traccia all'interno del bilancio e a nostro avviso non si può sperare solo nel flusso delle scolarexche in gita perchè sappiamo bene dall'esperienza degli anni passati che con quel tipo di turismo non c'è un gran ritorno per il paese.
Il recupero del centro storico. Cosa in concreto è stato previsto in bilancio? Ci sono fondi previsti al riguardo? Non ci sembra di aver trovato traccia neanche di questo. Per le associazioni è previsto il solito contributo di 516 euro a pari degli altri anni.
A proposito delle strutture che operano sul territorio come ad esempio la cooperativa SERENITY che ha saputo ritagliarsi un ruolo importante all'interno del paese per le attività che svolge e poi anche in campagna elettorale sono stati promessi alcuni fondi dobbiamo segnalare che non ci sono cifre da destinare nelle previsioni di bilancio.
Per le politiche a favore dei giovani dobbiamo tristemente constatare che c'è addirittura una diminuzione di circa 4000 euro rispetto alle somme stanziate negli anni precedenti e in questo modo ci chiediamo come sia possibile dare un futuro al nostro paese.
E' stato un cavallo di battaglia durante la campagna elettorale , un vanto direi, le dichiarazione che sarebbero entrati circa 400.000 euro dall'impianto fotovoltaico ma quando poi bisogna mettere nero su bianco risultano previsioni di 75.000 euro compreso l'impianto fotovoltaico sul tetto del comune; questo significa che stiamo impegnando una superfice della nostra montagna pari a 87.576 mq seppellendo così l'attività fotosintetica, flora, fauna, biodiversità e il paesaggio rurale che è uno dei patrimoni del nostro comune. Considerando poi che la precedente amministrazione non era composta da tutti voi, ha commissionato alla stessa ditta che realizzerà l'impianto fotovoltaicodi 4 MW uno studio di fattibilità per un'altro impianto di 10MW ed oltre.
Questo significa triplicare la superfice verde, di terra e triplicare il danno ambientale pertanto invito a riflettere seriamente anche sulla realizzazione dell'impianto di 4MW di potenza che dovrà nascere alla "defenza" e soprattutto sull'ampliamento perchè a questo punto non sembra più che si sta parlando di di scelte che guardano ad una direzione ambietalista ma di affarismo e di interessi per grandi aziende.
Anche per questa ragione riteniamo che venga istituita una commissione formata da membri della maggioranza, della minoranza e della società civile per valutare insieme tutte le questioni inerenti l'utilizzo del territorio.
Io invito la maggioranza, tutti i consiglieri che fate parte di questa nuova amministrazione, a non avallare scelte che ha preso un'amministrazione diversa da quella di cui fate parte. Vi invito ad informarvi e riflettere sulla proposta di utilizzare il fotovoltaico "SI" , ma sui tetti delle case e non sui terreni liberi. A questo riguardo ci sono anche delle campagne nazionali contro il consumo del territorio contro il fotovoltaico a terra, ormai un sistema in controtendenza. Noi proponiamo una campagna di fotovoltaico sui tetti dei cittadini. In questo le famiglie potranno avere delle ricadute positive in termini economici. Concludendo dico che a nostro avviso c'è una scrsa progettualità per quanto riguarda la pianificazione dell'amministrazione che si traduce in un danno economico per i cittadini. Un danno che si quantifica nella mancata possibilità di sviluppo per il nostro paese. Grazie.


MARINACCI MANFREDO: Io vorrei rispondere sostanzialmente sul fatto del recupero del paese vecchio. Qui partirà a breve una perimetrazione per quanto riguarda il pese vecchio per poi addivenire un'importo che può essere quello. Stabilire prima qual'è l'importo senza fare una perimetrazione non ha senso. Bisogna prima vedere quali sono gli immobili su cui intervenire per poi poter fare un conto economico serio per vedere qule parte recuperare e quale no. Oltre a questo volevo aggiungere che proprio ieri in comunità montana ho partecipato ad una riunione e ho appreso che partirà un bando a fine giugno 2010 ( ne faranno parte i comuni di Collarmele, Bisegna, Gioia, e Ortona). E' un bando regionale che prevede dei contributi che la regione potrà dare soprattutto per la ricezione turistica e il recupero dei centri storici e noi premeremo su questo anche per sfruttare questa voce al riguardo.


STORIONE AUGUSTO: Volevo aggiungere qualcosa a quello che ha detto Manfredo. Volevo dire che questo bilancio rappresenta la realtà del comune di Collarmele ovvero quelle che sono le entrate del comune. Non potevamo mettere in bilancio cifre stipulate su convenzioni che attualmente non sono attive per il fatto che gli impianti non sono stati realizzati. Sarebbe stato non veritiero un bilancio che riportava cifre di questi impianti qua.
Volevo inoltre aggiungere per quanto riguarda l araccolta di rifiuti che siamo tutti d'accordo che la raccolta differenziata spinta porta a porta porterà dei benefici a tutti quanti però dobbiamo essere anche consapevoli che il porta a porta spinto portrà al cambiamento di alcuni regolamenti che attualmente sono in essere. Dovremo passare dalla TARSU alla TIA , quindi avere una copertura sulle entrate , come diceva il sindaco che adesso è al 63% e che poi sarà del 100%. Quindi io sono d'accordo sulla raccolta differenziata però sarei anche d'accordo sul fare una campagna di sensibilizzazione sulla popolazione e di dire effettivamente e lealmente che cosa accadrà con la raccolta differenziata porta a porta.


ANTIDORMI QUINTINO: Siamo perfettamente in linea sul fatto della raccolta differenziata... ( viene interrotto da STORIONE)


STORIONE AUGUSTO: I costi da una parte diminuiranno ma da un'altra aumenteranno.



ANTIDORMI QUINTINO: No, scusa. Siamo d'accordo che il costo della TARSU è l'elemento finale ma partiamo come hai detto tu da una campagna di sensibilizzazione e partecipiamoci tutti insieme perchè noi proponiamo anche una commissione composta anche dalla società civile. Usiamo questo strumento che può essere utile, poi, la parte tecnica per quanto riguarda la TARSU o la TIA si informerà la popolazione e ne discuteremo.
Ultima cosa e concludo per quanto riguarda le entarte del fotovoltaico e dell'eolico quello che ci ha spinto a fare questo tipo di considerazioni è dovuto dalla lettura della relazione previsionale e programmatica degli anni successivi che prevede per la centrale eolica solamente circa 130.000 .
euro. Ho concluso e lascio la parola al presidente.



SINDACO: Prima di passare alla votazione vorrei dire che per quanto riguarda la scelta del fotovoltaico a terra rispetto a quello sui tetti , bisogna fare una valutazione su fronti diversi.
Sono due attività complementari nel senso che il fotovoltaico al tetto è al servizio dell'utente proprietario del tetto quindi va direttamente a dare un vantaggio all'utente che consuma l'energia elettrica da quei pannelli. Altra cosa è l'impianto a terra che ha un'altro tipo di valenza. Esso serve a produrre energia elettrica commerciale, serve cioè ad integrare la quantità di energia elettrica prodotta a livello regionale per quanto riguarda gli obiettivi 20-20-20 e serve a far entrare soldi liquidi al comune che fa questo tipo di impianti o ai privati che fanno questo tipo di impianto.
Cioè non è un consumo proprio ma un consumo del tipo produttivo commerciale. Serve ad aumentare le entrate , le proprie entrate; per cui le convenzioni che noi abbiamo fatto con la società che dovrebbe andare a fare quast'impianto di 4 MW porterebbe nelle casse del comune di Collarmele al momento dell'esercizio oltre 400.000 euro.
Noi lo abbiamo scritto sulla delibera con la quale abbiamo dato la concessione a questa società e in queste delibere ci sono scritte anche le finalità con cui verranno finanziate le attività. Ci sono tutte quelle voci che sono state illustrate nella campagna elettorale, quindi al momento in cui sarà fatto l'impianto ci sarà una modifica del programma triennale perchù ci saranno delle entrate maggiori così come ci sarà una modifica delle entrate quando ci sarà l'ampliamento del parco eolico.
Noi potevamo anche iserirlo quest'anno ma per motivi tecnici vari potrebbero non partire e quindi si sarebbe dovuto fare una variazione in diminuzione che non va bene fare.
Meglio fare una variazione in aumento che non in diminuzione. Perchè prevederle quando non sei veramente certo avrai entro dentro quella data quel tipo di cifra anche perchè poi 400.000 euro è la previsione di un'anno , dal 1° gennaio al 31 dicembre. Se noi dovessimo mettere in atto, avendo la fortuna di avere l'impianto già funzionante a settembre o ottobre, la produzione sarebbe di uno o due mesi. Non possiamo scrivere in previsione solo per far vedere che possono entrare. Noi diciamo che c'è in atto tutto questo in continuità con l'altra amministrazione e che tutto questo andrà in porto.
Nel momento in cui andrà in porto ci sarà questa variazione. Vale anche per l'eolico la stessa cosa. Anzi per l'eolico stiamo molto più avanti perchè c'è la pala comunale che la stanno impiantando in questo momento e penso che nel giro di un mese e mezzo sarà in esercizio, prima provvisorio e poi definitivo. Su quello noi abbiamo un rendimento pari al 12% soltanto per quella pala e a quel punto sapremo quanto ci entrerà di finanziamento vero che servirà a finanziare quelle proposte che noi abbiamo fatto in campagna elettorale e che poi si tradurranno in progetti.
Sicuramente chiederemo la collaborazione e il coinvoglimento di tutti coloro che vorranno essere attivi per decidere dell'impiego di quei soldi......


( Si sottopone a votazione il punto 7 che viene approvato con 4 voti contro)



punto 8

( Approvato con 4 astenuti)


punto 9


LA SEDUTA E' TOLTA.




TAGLIOLA MARCELLA: Ora che la seduta è chiusa posso dire cià che avrei voluto dire all'inizio?


SINDACO: Si.


TAGLIOLA MARCELLA : Grazie , volevo ricordare a tutti che questa è la sala Pio la Torre. Proprio oggi cade il 28° anniversario della sua morte o meglio, del suo omicidio. Insieme a lui fu ucciso anche Rosario di Salvo, un suo collaboratore. Pio La Torre era un parlamentare del PCI e faceva parte della direzione Antimafia. Egli aveva una grande conoscenza della mafia e del suo potere e non aveva paura di fare nomi e cognomi dei conniventi politici della mafia.
Dedicò la sua vita alla giustizia, alla giustizia sociale e alla lotta per i diritti dei più deboli. In quegli anni in particolare portò avanti la lotta contro lo sfruttamento di ricchissimi proprietari terrieri.
"CON LA MAFIA NON SI PUò SCENDERE A PATTI". Questa è un'affermazione di Pio La Torre e riassume il senso che volle dare alla sua vita. Un'uomo di coraggio , come Falcone e Borsellino. Uomini che non scesero a patti e questo lo pagarono con la vita. A mio avviso il modo migliore per ricordarlo è proseguire nella lotta contro tutte le mafie e agli amministratori corrotti dentro e fuori le istituzioni; questa è una condizione imprescindibile affinchè la nostra società possa cambiare e cessino le commistioni e le corruzioni tra la criminalitò e le amministrazioni e istituzioni.
Volevo dire inoltre un'altra cosa a proposito della commemorazione del 25 aprile.
Mi trovo d'accordo e bene ha fatto questa amministrazione a commemorarlo come sempre del resto e non posso non trovarmi d'accordo con le parole che il sindaco ha pronunciato in quell'occasione e in questo particolare momento storico dove ancora si ha bisogno di resistenza, dove ci capita ancora di sentire " l'italia agli italiani", "Giù le mani dalle nostre donne", " Giù le mani dai nostri lavori", "giù le mani dai nostri cocefissi".
Io credo che qualsiasi cittadino democratico deve indignarsi davanti a queste parole e a questi atteggiamenti.
Non credo che fosse proprio questa l'Italia che i padri costituenti avevano in mente.
In questo preciso momento storico, anche per questo avremo voluto essere coinvolti nella commemorazione del 25 aprile, dove ho partecipato per mia iniziativa personale ma ci avrebbe fatto piacere ricevere un'invito come gruppo di minoranza.
Avremo proposto un maggior coinvolgimento della popolazione e soprattutto dei più giovani ad esempio invitando le scuole.
Oggi più che mai ritroviamo frequenti rigurgiti di fascismo ed è importantissimo coinvolgere le giovani generazioni che di resistenza hanno solo sentito parlare. Alcuni si chiedono da che cosa ci si è liberati per altri è solo un ponte di primavera. Il 25 aprile non va solo ricordato ma deve essere un'occasione per riflettere sulle situazioni del passato.
I nostri partigiani erano tutti molto giovani e mi chiedo cosa penserebbero oggi della nostra democrazia. Proprio per questo il coinvolgimento dei giovani e delle scolaresche è fondamentale quindi speriamo in futuro di essere fatti partecipi di ogni iniziativa in modo da poter apportare il nostro contributo. Grazie



SINDACO: Ringraziamo il gruppo di minoranza per questa sottolineatura perchè tendono a difendere la democrazia e quale cosa migliore deve effettivamente la nostra storia che sta qui a testimoniare l'impegno costante e continuo , nostro personale e di tutta la popolazione di Collarmele.
E io aggiungerei un'altra cosa!!!
Aggiungerei un'invito a riflettere sul 1° maggio. Domani è la festa del lavoro. La nostra costituzione dice che l'Italia è una repubblica fondata sul lavoro. Da un pò di tempo , diciamo 20 anni, il senso e il significato del lavoro si è perso.
Abbiamo una struttura economica basata prevalentemente sul profitto e sulla flessibilità del lavoro. I nostri padri costituenti avevano invece fissato, e non poteva non essere così, una stabilità sociale con il valore in sè del lavoro.
Il lavoro inteso non come prestazione d'opera per far fare soldi a qualcuno ma il lavoro come dignità della persona e questo è un valore che noi dobbiamo riscoprire , dobbiamo rimettere al centro della nostra azione anche perchè le mafie non si possono sconfiggere se non si valorizza la persona e la dignità delle persone attraverso il lavoro che dà autonomia.
Con questo invito porgo a tutti voi l'augurio di un buon 1° maggio. La seduta è veramente tolta.


TAGLIOLA MARCELLA: Chiedo scusa. L'ultima cosa e ho finito. Noi avevamo fatto una richiesta scritta molto dettagliata per poter riprendere con una videocamera anche questo consiglio e avevo chiesto una risposta scritta in tempo utile per poter organizzare i lavori. Non mi è stata data nè una risposta scritta nè una risposta orale. Se è possibile averla..... (viene interrotta dal sindaco)


SINDACO: I tempi non li possiamo stabilire singolarmente. Ci sono delle procedure che, come avevo detto l'altra volta vanno rispettate. Senza regolamento non lo possiamo fare, non va fatta. Il presidente ne ha la facoltà e quindi finchè non facciamo il regolamento che disciplina esattamente come ci si può comportare, tenendo conto anche delle nuove disposizioni che ci sono sempre e comunque.
Non si può chiedere e dare un'imposizione per una risposta scritta subito perchè non si configura un'altra via se non attraverso la procedura della democrazia.


TAGLIOLA MARCELLA: L'avevo chiesta e comunque si può autorizzare la singola richiesta anche senza regolamento.


SINDACO: Ritengo che non è così che vanno le cose.


TAGLIOLA MARCELLA: Ci dispiace per la mancanza di trasparenza amministrativa però ne prendiamo atto.


SINDACO: QUESTO E' UN GIOCO AL MASSACRO. LA TRASPARENZA AMMINISTRATIVA NON C'ENTRA NIENTE CON TUTTO QUESTO.







massimiliano · 89 visite · Lascia un commento
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/Gioco-al-massacro-b1-p46.htm

25 Apr 2010 - 13:13:20 Buon 25 aprile.....

Ricordo i libri di storia più belli che io abbia mai avuto, i miei nonni.
Loro conoscevano il fascismo, lo avevano vissuto in prima persona. Chi meglio di loro e di quelli della loro generazione possono raccontarci cosa è stata la dittatura in questo paese? Forse i libri di testo delle scuole? Quelli che vogliono cancellare Darwin o quelli che vogliono equiparare i partigiani ai repubblichini?
Magari quelli che ci raccontano i fatti revisionati a seconda delle idee dell'editore di riferimento? No, meglio i miei nonni.
Gli occhi umidi e i nervi del volto tesi durante i loroi racconti sono riusciti a trasmettere tutta la brutalità del regime prima e della guerra dopo.
Sono stati quei racconti che hanno formato la mia coscenza politica più dei libri.
Una coscenza che mi ha sempre portato a ripudiare ogni forma di violenza, sia essa fascista, Castrista o sovietica e a rispettare quasi con fede la nostra Costituzione che è tra le più belle del mondo.
Rispettarla è come rispettare i miei nonni e tutti quelli che invece hanno dato la vita affinchè questo paese diventasse un paese libero.
E' alla loro opera che oggi va il mio pensiero, a quella Resistenza che Pertini definì " un secondo risorgimento in cui i protagonisti furono le masse popolari".
Abbiamo il dovere di ricordare e coltivare tutti i giorni la passione per la libertà.
Buon 25 aprile a tutti
massimiliano · 117 visite · 2 commenti
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/Buon-25-aprile-b1-p45.htm

Commenti
Commento di: giuseppina ranalli [ Visitatore ]
Libertà di opinione, libertà di azione, libertà morale, libertà di scelta, libertà politica, libertà religiosa possono esistere solo in un paese libero.
Un paese ostaggio di un sistema diffuso di corruzione non è libero perchè manca la certezza dell'informazione.
Bene fai massimiliano a fidarti di fonti che puoi verificare.
25.04.10 @ 18:33:04
Commento di: stefania [ Visitatore ]

LIBERTA' è in assoluto la parola più bella che l'uomo ha
potuto inventare! i tuoi scritti Massimiliano sono sempre
pieni di passione e amore per quello in cui credi!
Condivido con te.
un abbraccio
Stefania
25.04.10 @ 14:29:41

18 Apr 2010 - 14:36:45 Odio L'indifferenza...................

Sig. Sindaco sento il dovere come cittadino di dedicarle qualche mia riflessione...............
Ho preferito attendere la presentazione ufficiale del nuovo Consiglio comunale per capire se dopo il verdetto bulgaro delle elezioni Lei avesse preso almeno coscenza di quanto sia importante comunicare alla popolazione le scelte che adottate anche attraverso l'utilizzo di tutti i mezzi leciti a disposizione.
Devo dirle che non ha deluso affatto le mie aspettative; infatti non mi aspettavo , conoscendola, un passo avanti da parte Sua in tal senso.
Probabilmente anche questa volta Lei non sarà toccato da quello che Le dico ma sinceramente................ faccia Lei.
Sono rimasto più di cinque anni a guardarLa mentre amministrava un pò come Moretti davanti al discorso di D'Alema sperando che dicesse o facesse qualcosa di sinistra ma non è arrivato nulla, anzi................. Comunque...............
Quello che voglio dirLe è che anche l'altra sera ( durante il Consiglio di insediamento) ho assistito basito all'ennesima farsa e Le spiego:
" Il nostro capogruppo di minoranza Le ha fatto pervenire con lettera scritta in data 13/04/2010 una richiesta in cui si chiedeva l'autorizzazione ad effettuare delle riprese audio/visive del Consiglio.
Nella lettera ( protocollata) veniva specificata sia la destinazione d'uso( si faceva riferimento ai soli usi consentiti dalla legge) sia la modalità di conservazione delle cassette ( tra gli atti della minoranza) oltre a indicare la possibilità di metterle a disposizione per essere visionata da chiunque in qualsiasi momento.
Lei durante il Consiglio ha dato una lettura parziale della lettera omettendo di dire tutto il contenuto e sostenendo che, la trasparenza e la diffusione di notizie era stata ampiamente tutelata facendo riferimento alla massiccia presenza della popolazione in aula, passando quindi alla votazione degli ordini del giorno.
Sig. sindaco le cose così come le vedo io sono due: o ci prende per scemi o è talmente abituato a non dare risposte che ormai Le viene naturale mentire o snobbare le richieste che le vengono presentate.
Vede, innanzitutto mi sarei aspettato che di fronte ad una richiesta scritta ci fosse una risposta scritta, in modo tale che chiunque avesse potuto prenderne visione. E' forse un'utopia questa? A Collarmele si, perchè a quanto pare anche per le minime cose bisogna sperare nell'intervento di qualche entità divina. Le resta così complicato prendere in considerazione i bisogni degli altri?
Se Lei aveva dubbi o perplessità ( del tutto lecite) poteva chiamare il firmatario della richiesta e discutere insieme prima, così da arrivare al Consiglio con qualcosa di CONDIVISO senza lasciarci con il dubbio fino alla fine se potevamo farle o no quelle riprese. Non stiamo mica giocando al lotto. Non è mica un favore quello che deve farci.
Ero pronto quella sera ed ero a disposizione con la videocamera per offrire un servizio ai cittadini e Lei ce lo ha proibito con delle scuse a dir poco stravaganti. E' Lei che ha governato questo paese negli ultimi anni o qualcun'altro? Perchè vede dire che la massiccia presenza di popolazione tutelava la trasparenza è solo fumo negli occhi in quanto trattasi di un consiglio di insediamento, quindi che suscita maggior interesse ( purtroppo) .
Non ricordo negli ultimi anni tanta gente nei consigli e che siano state adottate misure necessarie a tutela della trasparenza amministrativa.
Se vuole Le posso indicare io chi potrebbe in futuro effettuare le riprese dei consigli: ad esempio si potrebbe far fare all'associazione del Piccolo Principe così si avvicinano anche i giovani alla vita pubblica del paese.
Capisco bene che probabilmente ha dei problemi all'interno del Suo gruppo per l'assegnazione di cariche e poltrone ma non può essere una scusa per non pensare ad altro.
In questo senso Le veniamo incontro noi ricordandoLe quali sono le Sue responsabilità di primo cittadino.
Vede sig. Sindaco Lei durante la campagna elettorale più volte ci ha accusati di aver fatto degli attacchi personali con arroganza e presunzione e anche grazie a questo ha vinto le elezioni ma ora che è di nuovo il Primo cittadino mi spiega dove sono stati fatti questi attacchi sulle persone?
A me ( ma anche a tanti altri, Le assicuro) di quello che fa, dice o pensa l'uomo Dario non interessa nulla e l'uomo Dario può dire , fare e pensare quello che vuole ma il sindaco NO.
Lei è un personaggio con delle responsabilità pubbliche ed è al sindaco e agli amministratori che ci si rivolge quando si cercano delle risposte di carattere politico/amministrativo e Lei questo lo sà benissimo. Un'uomo con un'esperienza come la Sua sà bene la differenza tra un'attacco personale e una critica all'operato di un'amministratore quindi ci faccia il favore di non perseverare. Non siamo stupidi e le dirò anche di più:
Sempre durante il consiglio di insediamento ha aperto la seduta, ha mentito sulle riprese, ha indossato la Sua fascia tricolore, ha nominato in parte l aSua giunta e stava per chiudere la seduta senza dare la parola ad altri. Insomma se la stava cantando e suonando ancora una volta da solo ( così come ci ha abituati) per fortuna interrotto prima dei saluti da Tagliola Marcella che voleva ( nel pieno dei suoi diritti) dire qualcosa.
Non Le sembra un pò presuntuoso e arrogante questo atteggiamento volto a non dare la parola nè ai membri dell'opposizione nè ai Suoi consiglieri che in un contesto di insediamento, magari forse avrebbero voluto o potuto dire qualcosa se non altro per ringraziare chi li aveva sostenuti?
Non la prenda come un fatto personale perchè non lo è ma desidero che Lei capisca che le cose sono cambiate e deve abituarsi alle critiche e a dare risposte perchè saremo sempre vigili e pronti a denunciare tutte le anomalie che riguardano la trasparenza amministrativa senza negarLe la possibilità di una collaborazione qualora ci fossero gli estremi per operare insieme all'insegna della legalità e alla luce del sole.
Sono tante le cose che vorrei dirLe in qualità di Sindaco ma non voglio rischiare di annoiarLa e di annoiare i nostri lettori per cui mi avvio alla conclusione dedicandole un brano di un signore, un certo Antonio che Lei forse conosce bene.
Il brano parla di odio ma soprattutto di amore verso la partecipazione e la politica.

“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?

Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.

Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

11 febbraio 1917

massimiliano · 208 visite · 3 commenti
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/Odio-L-indifferenza-b1-p44.htm

Commenti
Commento di: massimiliano [ Membro ]
Grazie orsobruno. Le tue parole fanno molto piacere e sono di stimolo per non mollare mai. Unisciti a noi, arricchisci questo movimento con le tue idee. Avrai capito sicuramente che non siamo un gruppo che fa riferimento a questo o quel partito, ma siamo persone libere legate da una passione straordinaria che ci porta a volere il nostro paese un luogo diverso da quello che è.
Un abbraccio max
25.04.10 @ 13:19:02
Commento di: orsobrunomarsicano [ Membro ]
Massimiliano, tanti complimenti per l'immediatezza e sincerità delle parole che rivolgi al nostro sindaco.
Non meno vere e giuste le affermazioni di Gramsci citate, che colgono nel segno e mi feriscono. Riconosco la mia latitanza dalla vita politica del paese, la scarsa responsabilità e la convinzione che qualcuno s'impegni per me al mio posto. Sono contento dello sforzo e dell'intelligenza che Arianuova (in te, Marcella e gli altri) mette al servizio di Collarmele, pertanto
auguro a voi buon lavoro e a me di abbandonare presto le fila degli indifferenti e cominciare ad amare la politica.
24.04.10 @ 20:02:34
Commento di: Franco Calabrese [ Visitatore ]
Caro Max, conosco bene l'indifferenza del "Popolo", l'ho sperimentata nei quindici lunghi anni di attività amministrativa come consigliere di minoranza.Conosco questa malattia genetica originata dalla dominazione borbonica,che ha reso schiavo il "Popolo",teso sempre e comunque ed ad ogni costo a farsi i"fatti propri"e pronto a ringraziare sempre e comunque anche per ciò che gli è dovuto per diritto.
Conosco il "coraggio" di chi ti pugnala alle spalle e di chi spudoratamente ,come se niente fosse, anzi, come se fosse opera meritoria, passa dall'altra parte tradendo la causa per la quale ha lottato ed anche "tramato" per lungo tempo.Una volta,che si perde nella notte dei tempi, quando il "Popolo" era composto per lo più da galantuomini, questi venivano chiamati traditori,oggi vengono eletti ovvero elevati a rappresentare il"Popolo".Cosa vuoi che ti dica di più : il Re è stato eletto dal "Popolo"? Viva il Re ed il suo "Popolo"!!!
19.04.10 @ 20:56:10

Lascia un commento

Statuto dei nuovi commenti: Pubblicato

06 Apr 2010 - 23:17:10 Fiaccolata del 6 Aprile 2010

Nell'Aprile 2006, esattamente tre anni prima del "nostro" terremoto, in tempi non sospetti, Roberto Saviano nel libro Gomorra, parlando di come la camorra sia ben inserita e quasi padrona del mercato del cemento armato scriveva queste parole: "Io so e ho le prove. So com'è stata costruita mezza italia. E' la sabbia che ha tirato su palazzi e grattacieli, quartieri e ville. A Castel Volturno nessuno dimentica le file infinite di camion che depredavano il Volturno dalla sabbia. Ora quella sabbia è nelle pareti dei condomini abruzzesi. Montagne e colline sbriciolate e impastate nel cemento finiscono ovunque, è questo che permette alle imprese di presentarsi alle gare d'appalto a prezzi da manodopera cinese."
Ora dando per assodato il dolore, lo sgomento, il vuoto e la rabbia che ognuno di noi si porta dentro. Quella sansazione che si impadronisce di te, che tutti noi conosciamo bene, quando vediamo i nostri luoghi e la nostra storia distrutti e abbiamo la consapevolezza che ormai, con molta probabilità, non li rivedremo più così com'erano. A questo punto dobbiamo cercare di incanalare la rabbia in qualcosa di positivo, vigilando affinchè si creino le condizioni per far si che queste tragedie non avvengano più.
E' incredibile che in zone ad alto rischio sismico, così come lo sono le nostre, ci sia una percentuale così bassa di costruzioni antisismiche, è inaccettabile che la casa dello studente oppure gli ospedali non rispettino questi criteri.
Adesso possiamo solo guardare al futuro. Non è stato il terremoto a portare via le vite di 308 persone, ciò che è accaduto si poteva evitare, ciò che è accaduto è da imputare alla mancanza di onestà di chi ha costruito case che avevano la sabbia impastata con il cemento e alla cattiva gestione del territorio.
All'Aquila si è scavato per recuperare i cadaveri e l'Italia è un paese che tragedie come questa le lascia accadere.
L'unica parola a cui affiderei il futuro e la mia terra è: RESPONSABILITA'.
Oggi, a tragedia avvenuta, non posso che confidare nella responsabilità degli amministratori e in questo caso dei costruttori, affinchè in futuro ognuno svolga il suo lavoro seguendo un'etica fatta di moralità.
Infine penso di poter ringraziare a nome di tutti chi ha organizzato questa manifestazione. Una processione laica, un'iniziativa civile in ricordo delle vittime e per far luce sui fatti. Iniziative come queste sono momenti di intimo raccoglimento e ricongiungimento per tutta la nostra comunità.
Questa sera, come i giorni di un anno fa, in cui dormivamo tutti insieme nelle nostre auto, gli uni accanto agli altri "all'Ara", che il mio amico Massimiliano chiamava: "l'Ara democratica", siamo tutti uguali e vicini, tutti noi che alle 3.32 non ridevamo, ora siamo qui in silenzio per ricordare, commemorare e ribadire che la ricostruzione dell'Aquila e di tutti gli altri nostri piccoli paesi è a salvaguardia di un patrimonio storico e di memoria delle nostre radici per noi irrinunciabile.
Mi auguro che le torce e le candele di questa sera servano a dare una luce di speranza, una speranza fatta di verità e giustizia.

Marcella · 68 visite · Lascia un commento
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/Fiaccolata-del-6-Aprile-2010-b1-p43.htm

Commenti

Niente Commento per questo post ancora...

Lascia un commento

Statuto dei nuovi commenti: Pubblicato

02 Apr 2010 - 08:21:56 Abbiamo perso, abbiamo vinto..............

Mi vengono in mente le elezioni regionali di qualche anno fa
in Sicilia quando Forza Italia ottenne la totalità dei seggi. La sinistra
italiana gridò allo scandalo :” E’ un risultato a favore della mafia”.


Qualche esponente del PD (e non solo ) sosteneva che il voto
era stato comprato con buoni benzina, barattato con qualche promessa di lavoro
agitando tra la gente lo spauracchio del ritorno dei comunisti mangiabambini.


Fu un risultato plebiscitario, una cosa mai vista prima in
uno stato democratico. Solitamente chi vinceva in quel modo aveva il calibro di
Saddam Hussein, Fidel Castro, Franco, Mussolini…………….


Cercando invece
di fare un’analisi del voto a
Collarmele non me la sento di urlare allo scandalo anche perché non ce ne sono
i presupposti.


Qui non è la sicilia dei Riina e dei Provenzano, è il nostro
piccolo paese dove il voto è libero, non viene comprato o barattato per nessun
motivo, gli elettori hanno scelto liberamente i propri candidati senza subire
pressione alcuna.


Qualcosa è successo però. Una parte di elettori che fino al
momento del voto avevano dato la propria disponbilità hanno scelto di votare (
e non di lasciare scheda bianca) per l’altra lista, così, per magia.


E’ un paese magico questo, nulla è scontato, tutto può
cambiare fino all’ultimo momento……..


Cari compagni e amici di ARIANUOVA di che dispiacersi?


Vi rendete conto che oggi sappiamo veramente e con certezza
chi ci ha dato il proprio appoggio e chi invece era in mezzo a noi solo per
cercare di tenere il piede in due scarpe o con fini diversi da quelli
manifestati nei nostri incontri?


Qualcuno ci ha mentito e ci ha traditi, va bene , siamo
stati ingenui e dobbiamo riconoscercelo ma abbiamo portato avanti una battaglia
sul piano della moralità che ci ha premiati con un consenso straordinario.


Siamo partiti dal nulla e abbiamo raggiunto il 42% dei
consensi che sono sinceri, giunti dal cuore e non ipocriti o di convenienza .


A differenza di altre volte non bobbiamo fare nemmeno una
caccia alle streghe perché non ci sono i margini. Sappiamo a chi appartengono
quei voti e sappiamo chi ci ha mentito fino alla fine. Cosà ci sarà in cambio
per loro il tempo ce lo dirà.


Il pinocchio ha scelto la Volpe e se saranno in grado di
trovarsi anche un gatto questo magico
paese diventerà a tutti gli effetti il paese dei balocchi.


Il voto popolare va rispettato ma la democrazia prevede
anche un’opposizione e questo paese fortunato e magico sta per conoscere la più
grande e bella opposizione civile e popolare che abbia mai visto.


Quindi rallegriamoci.


Auguri alla nuova amministrazione con un particolare in
bocca al lupo alle new entry e tanta , tanta solidarietà a chi non ha avuto il
giusto riconoscimento ma forse questa era l’unica cosa prevedibile.


La regola viene confermata, se in questo paese sei libero,
critico, propositivo e con delle idee sei fuori.


Resisteremo anche per questo e lotteremo affinchè alle
parole vengano riattribuiti i giusti significati in quanto chiameremo coraggiose
le persone che denunciano i fatti e non arroganti, e dove chi manifesta la propria
idea venga chiamato “ liber@” e non presuntuoso.





ARIANUOVA A TUTTI


massimiliano · 209 visite · 3 commenti
Link permanente al messaggio intero
http://arianuova.blogitaly.net/Arianuova-b1/Abbiamo-perso-abbiamo-vinto-b1-p42.htm
Commento di: Bisio [ Visitatore ]
Attenzione al concetto di volonta' del popolo che significa la volonta' della parte del popolo piu' numerosa: la maggioranza che inaugura quella tirannia della maggioranza, talvolta piu' potente di molti tipi di oppressione politica. Si ricorda che dovunque vi sia una classe dominante, la morale del paese emana dai suoi interessi di classe e dai suoi sentimenti di superiorita' di classe. Il principio e' che l'umanita' e' giustificata, individualmente o collettivamente, a interferire sulla liberta' d'azione di chiunque soltanto al fine di proteggersi, per evitare danno agli altri. Il bene dell'individuo, sia esso fisico o morale, non e' una giustificazione sufficiente. Non lo si puo' costringere a fare o non fare qualcosa perché e' meglio per lui, perché lo rendera' piu' felice, perché nell'opinione altrui, e' opportuno o perfino giusto. Si deve rendere conto solo per cio' che riguarda gli altri: su se stesso sulla sua mente e sul suo corpo, l'individuo e' sovrano.


MEDITATE!!!!!!
03.04.10 @ 19:18:55

Lettori fissi